Notizie errate e ingannevoli sul #nucleare in Italia, ancora una volta

by futuronucleare on 2011-09-13

Eccoci ancora qui, un’altra volta. Ieri abbiamo visto un’altra volta titoloni di un “incidente nucleare” con “probabile rilascio di radiazioni”, e il mondo intero ha nuovamente smesso di respirare per qualche ora. Ed infatti abbiamo rapidamente visto gli effetti dell’ipossia nei titoli delle notizie.

Ora, se da un lato posso capire che riportare le notizie mentre stanno accadendo può talvolta portare a scrivere informazioni sbagliate e mendaci, posso anche arrivare a condonare questo comportamento dato che spesso ci sono poche informazioni disponibili immediatamente dopo un evento come quello accaduto ieri in Francia.

Quello che però non posso per nulla condonare è il fatto che a quasi 24 ore di distanza, sulla pagina principale de “Il Corriere della Sera” online, il sito web del maggiore quotidiano in Italia, continuiamo a vedere questo genere di bugie:

 

 

 

 

 

 

 

 

Come potete leggere dal titolo si parla di “Fiamme in una centrale nucleare”, una bugia clamorosa, mentre solamente in piccolo si dice la verità, e cioè che “Esplode un forno per trattare le scorie a Marcoule”

Mi spiace, Corriere della Sera online, ma per l’ennesima volta avete dimostrato quale massa di incompetenti pseudo-giornalisti voi siete. Avete solo in mente di spaventare i vostri lettori, e siete completamente disinteressati dal riportare le informazioni in modo corretto.

E questa non è la prima volta che una cosa simile accade. Nel mese di Aprile qualcosa di molto simile accadde, e denunciai pubblicamente anche quell’evento.

Ovviamente non ricevetti alcuna risposta alla mia lettera. Che sorpresa.

Un’altra volta, vergogna Corriere della Sera. Vergogna.

Fortunatamente non sono l’unico che nota questo genere di cose. Il mio amico Ben Heard in Australia, sul suo blog Decarbonise SA ha da poche ore scritto un articolo con considerazioni molto simili.

C’è un lungo cammino davanti a noi per arrivare a sfatare il mito della radiazioni e sconfiggere la radiofobia…

 

 
Share

Previous post:

Next post: